Home » Lifestyle uomo » Gli errori da non commettere al primo appuntamento
errori primo appuntamento

Gli errori da non commettere al primo appuntamento

Contenuto dell'articolo

Il primo appuntamento è una tappa importante per la crescita di ognuno di noi, ma bisogna essere consapevoli di una cosa: nonostante facciate di tutto per avere un primo appuntamento perfetto, bisogna sapere che perfetto non lo sarà mai. Si commettono sempre alcuni errori, piccoli o grandi che siano, è nella natura umana sbagliare, figuriamoci quando siamo così emozionati. In questa guida vi elenchiamo gli errori più comuni che quasi tutti gli uomini commettono al primo appuntamento con una ragazza (e a volte anche dopo) ma che rischiano di farvi fare un tremendo flop. Non importa che facciate piccoli errori, basta non commettere QUESTI errori.

Atteggiamenti e comportamenti

Tenere le mani in mano: è vero che allungare le mani al primo appuntamento è qualcosa di sbagliato, potreste sembrare invadenti e fare una brutta figura. Ma secondo l’esperta dottoressa April Masini, è sbagliato anche il contrario. Al primo appuntamento il tocco dovrebbe essere limitato, ma ci dev’essere. Comunica interesse, calore, benevolenza, basta che il tocco non abbia risvolti sessuali. Ok prendere la mano per esempio per aiutarla a salire in auto, o appoggiarle una mano sulla schiena. Sbagliato invece metterle già il braccio intorno al collo, o la mano su qualche zona “off-limits”.

Essere tirchi: c’è una bella differenza tra essere attenti alle spese ed essere tirchi. Una cosa è programmare una cena in un ristorante bello ma economico, un’altra è non offrirle nemmeno un dessert. Essere tirchi con i soldi comunica che si è tirchi anche con le emozioni, e alle donne non piacciono le persone avare, in uno o nell’altro senso.

Ubriacarsi: anche se siete dei grandi bevitori, finire ubriachi al primo appuntamento non fa una grande impressione. Anche se bere fa molto “maschio”, almeno al primo appuntamento trattenetevi. E se bere vi aiuta a sciogliervi, almeno mangiateci su per evitare di perdere il controllo.

Eccesso di cavalleria: essere cavalieri va bene, ma evitate gli eccessi, non siamo più nell’800. I comportamenti da tenere sono quelli legati alla buona educazione (evitare di mandare sms mentre lei sta parlando, aprirle la portiera dell’auto, ecc.), ma non scadere nelle attività eccessivamente ossequiose.

Essere trasandati: anche se normalmente siete anticonformisti, presentarsi al primo appuntamento da trasandati comunica mancanza di rispetto nei confronti dell’altra persona. Dunque capelli pettinati, barba ordinata e seguite i nostri consigli su come vestirsi al primo appuntamento.

Conversazioni e argomenti

Non parlare: può darsi che vogliate fare la parte dell’uomo misterioso, il tenebroso che sta sempre in silenzio. Per la dottoressa Masini un atteggiamento simile comunica una personalità chiusa e noiosa. Bisogna comunicare qualcosa, darle spunti per parlare e per conoscervi. E se non sapete di che parlare, dirottate l’argomento su qualcosa che vi appassiona come per esempio la musica.

Parlare troppo: è sbagliato anche il contrario, ovvero parlare troppo. Le donne devono parlare di più, voi dovete farvi conoscere, ma lasciate a lei le redini del dialogo. Parlare troppo sembra narcisistico e dimostra poco interesse verso l’altra persona.

Trattare argomenti pesanti: al primo appuntamento certamente volete farvi conoscere, ma evitate di mostrare il vostro “lato oscuro”. Il primo appuntamento dev’essere divertente, non appesantito da argomenti noiosi. E se la discussione sta scivolando verso il pesante, cambiate argomento o fate qualcosa di divertente.

Bestemmiare: va bene essere se stessi, ma bestemmiare e comportarsi in maniera scurrile al primo appuntamento non è un buon biglietto da visita. Eliminate dunque, per una sera, le parolacce dal vostro vocabolario.

Parlare di soldi: l’argomento denaro è molto delicato, e farlo al primo appuntamento, specialmente millantando conti correnti strabordanti e cose simili, non è per nulla carino. D’altra parte, nemmeno lamentarsi della precarietà o dei pochi soldi tira acqua al vostro mulino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *