Home » Essere papà » Neopapà: come trovare tempo per se stessi
tempo libero per un genitore

Neopapà: come trovare tempo per se stessi

Contenuto dell'articolo

Diventare padri è una delle cose più belle al mondo, ma anche una delle più faticose. Un figlio assorbe l’intera energia della famiglia, ti toglie tempo per dormire e purtroppo anche quello per coltivare i tuoi hobby. Addio al calcetto, al tempo passato davanti ai videogames o a portare avanti quell’hobby che ti permetteva di rilassarti dopo una dura giornata di lavoro. Oppure no? Prendere del tempo per se stessi è importante per la propria salute mentale, per questo dobbiamo trovare sempre il tempo. Sì ma dove?

Approfittare di ogni momento libero

Per “sopravvivere” dovete fare un po’ come i ladri, approfittare di ogni occasione. Quando il bambino è piccolo, l’occasione più comune arriva dal pisolino. I bambini nei primi mesi di vita dormono tantissimo, e dunque è vero che vi svegliano nel cuore della notte, ma è anche vero che dormono tantissimo durante il giorno. Durante quelle ore nessuno vi dirà nulla se riuscite a trovare del tempo per voi stessi, basta che non lo facciate in modo rumoroso.

Il tempo libero, quando non c’è, ve lo potete anche creare alternandovi con la vostra partner. Dal bagnetto alla pappa, dalla ninna nanna al cambio del pannolino, se vi date il cambio con la vostra compagna, o magari qualche altra persona che vi aiuta, riuscite anche a ritagliarvi del tempo prezioso. Lo stesso vale anche per lei visto che evitate di addossarle tutte le responsabilità.

Aiuti dall’esterno

Se proprio non riuscite a ritagliarvi del tempo libero, fatevi aiutare da qualcun altro. Una cosa che non dovete mai farvi mancare solo le uscite con la vostra compagna. Se una volta nato il bambino non la portate più fuori o non fate più quelle cose che prima vi facevano divertire, il rapporto potrebbe risentirne. Non preoccupatevi dunque di assumere una tata o semplicemente una baby sitter anche solo per una sera a settimana. Meglio ancora se a darvi una mano sono una nonna o un altro parente. Non dimenticate amici, vicini di casa o altre persone di cui vi fidate. In questo modo non solo può fare bene a voi e alla vostra coppia avere del tempo da passare in autonomia, ma fa bene anche al bambino stesso perché comincia a socializzare con altre persone e riconoscere i membri della famiglia.

Altre strategie

Per quanto possibile, cercate di distrarre il bambino in ogni modo. Quello più facile è comprargli un giocattolo che lo tenga impegnato per tante ore. Mettetelo in un posto sicuro, come per esempio il box, e lasciatelo giocare con i suoi giocattoli preferiti. Mentre lui giocherà, permetterà anche a voi di divertirvi in qualche altro modo. Non dimenticate, di tanto in tanto, di giocare anche voi con lui, questo gli lancerà un messaggio positivo che lo invoglierà a continuare a giocare e gli farà capire che quello che sta facendo è una cosa divertente.

Essere padre è qualcosa in cui non si finisce mai di imparare, ma assicuratevi di crearvi un po’ di tempo libero per non perdervi in questa esperienza che rischia di trasformarsi in trauma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *