cattive abitudini

7 cattive abitudini che fanno male alla sessualità

Fare cilecca una volta ci può stare, capita a tutti, ma se succede spesso, c’è qualcosa che non va. Specialmente se siete giovani, il vostro membro dovrebbe essere sempre pronto all’uso, ma alle volte può capitarvi che non risponde ai comandi. Come mai? Da cosa può dipendere? Non pensate subito al fatto che avete mangiato pesante quella sera o che pensate ai debiti piuttosto che alle preoccupazioni per il prossimo esame da sostenere. Se laggiù qualcosa non funziona, può essere attribuito a qualche cattiva abitudine che avete tutti i giorni e che, sul lungo periodo, può portare a disfunzioni sessuali. Quali sono queste cattive abitudini? Probabilmente è una (o più) di queste:

Troppa pigrizia…

Non fai abbastanza esercizio fisico: tutte le statistiche sottolineano che gli uomini che praticano un’attività fisica regolare, anche non necessariamente super stressante, hanno meno problemi a letto di quelli che stanno tutto il giorno sul divano. Uno studio, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, ha dimostrato che i migliori risultati in termini di erezione, orgasmo, frequenza e qualità del sesso si registrano negli uomini che in una settimana hanno praticato 2 ore di attività fisica intensa come corsa o nuoto; oppure 3,5 ore di attività fisica moderata, o ancora 6 ore di attività leggera.

Non fai abbastanza sesso: più si fa sesso e migliori sono le prestazioni, un po’ come un calciatore che più si allena e meglio gioca. Statisticamente infatti le erezioni “problematiche” si riducono quando aumentano le “sedute a letto”. Uno studio effettuato su quasi mille uomini ha notato che chi faceva sesso meno di una volta a settimana aveva il doppio delle probabilità di avere disfunzioni erettili di quelli che lo facevano almeno una volta a settimana.

Guardi troppa tv: secondo uno studio realizzato presso l’Università di Rochester, gli uomini che guardano più di 20 ore a settimana di tv hanno il 44% di conta spermatica inferiore di quelli che la tv non la guardano affatto. Il motivo si rifà alla mancanza di attività fisica dato che trascorrere tante ore davanti al televisore sottrae tempo all’esercizio.

…o troppe attività

Dormi troppo poco: secondo uno studio della University of Michigan, gli uomini che dormono poco hanno meno probabilità di avere un rapporto sessuale il giorno successivo, anche perché si riduce il desiderio, ma piuttosto compaiono sintomi come stanchezza, poca concentrazione, debolezza e poca densità ossea e muscolare. Inoltre dormire meno di 5 ore a notte riduce drasticamente la produzione di testosterone.

Non ti lavi abbastanza i denti: uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Periodontology ha collegato alcune patologie dentarie alla disfunzione erettile. In particolare ha scoperto che chi soffre di problemi ai denti ha 7 volte in più probabilità di avere problemi nelle parti basse. Il motivo? I batteri che causano problemi alle gengive entrano in circolo e infiammano il corpo, danneggiando anche i vasi sanguigni del pene. Inoltre un alito cattivo non aiuta a conquistare il gentil sesso…

Ti fai del male

Fumi troppo: uno studio pubblicato sul British Journal of Urology ha sottolineato che nelle 8 settimane successive all’aver smesso di fumare, il gruppo di uomini preso in esame ha avuto risultati migliori nei test dell’erezione rispetto al mese precedente.

Mangi alimenti non sani: alcuni alimenti, specialmente frutta e verdura, hanno delle proprietà vasodilatatorie migliori del Viagra, e sono del tutto naturali. Al contrario, chi consuma molto junk food (dolci, patatine, ecc.), avrà una scarsa conta spermatica e più difficoltà a letto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *